Allergia: quando accade durante la notte …

Il vostro gatto che scatena gli attacchi di asma, i frutti di mare che non può stare. Queste improvvise allergie sono sempre più comuni. Due specialisti aiutare a risolvere questo enigma.

“Io amo il sole e ho sostenuto molto bene, e poi questa estate, mi ha coperto di brufoli, ho trascorso le mie vacanze in ombra” testimonia la Francia, irritato. Stesso scenario, o quasi, sul lato di Thomas che racconta di come, a 42 anni, si è concluso con un enorme edema mentre si mangia … una bistecca! O Adeline che non supporta più la crema di bellezza per lei è stato fedele per anni. Gli esempi si moltiplicano, come ha osservato il Dottor Etienne Beaudouin, allergologo, responsabile di reparto presso l’ospedale di Épinal. “Questa improvvisa apparizione di un’allergia, è mal tollerata dai pazienti che hanno difficoltà ad accettare questa improvvisa rottura di tolleranza”, spiega. Il loro filo conduttore è “Ma dottore, prima avevo nulla” !

Sensibilizzazione “nel cassetto”Sensibilizzazione "nel cassetto

Per capire meglio come disturbi possono comparire in un apparentemente cielo sereno, uno deve affrontare i meccanismi dell’allergia. Questo è un sproporzionato e inadeguato risposta immunitaria a un apparentemente innocuo sostanza. “Ma tra il contatto con questa sostanza, l’allergene, e la reazione allergica, può richiedere settimane, mesi, anni. Questo è il tempo che il corpo impiega a produrre anticorpi che un giorno esploderà in contatto con la sostanza”, spiega il Dr. Pierrick Hordé, allergologo, autore di Allergia Libro Nero Archipel.

Quindi i primi sintomi (rinite, asma , eczema , gonfiore), che i pazienti hanno difficoltà a identificare un’allergia” continua l’esperto. E questo è tanto più che i disturbi possono manifestarsi in modo progressivo: “In un primo momento, hanno un po’ di un naso che cola o gli occhi che pungono e non prestare attenzione”, ha aggiunto. Eppure, quasi tutto può innescare questo tipo di reazione: alimenti, farmaci, pollini, metalli come il nichel bigiotteria, peli di animali, acari , le sostanze contenute in prodotti nazionali.

Allergeni più

Queste allergie che appaiono all’improvviso, in età adulta, sono sempre più frequenti. Perché ? Certamente perché sono più rilevate rispetto a prima. Ma anche a causa di un generale aumento del numero di reazioni allergiche. Se oggi una persona su tre è allergico ad almeno una sostanza, si pensa che in 15 anni ci sarà uno dei due. Perché ?

– Più fonti di irritazione: l’aria viene “overload” con il polline, in modo che si parli di “verde di inquinamento”. Infatti, non solo una maggiore sensibilizzazione alberi stati sviluppati per le vie respiratorie, quali alberi di betulla, ma questi alberi sono produrre di più e più polline a causa del riscaldamento globale. Come risultato, nel nord della Loira, secondo il Dottor Hordé, questi famosi alberi di betulla è diventato il nemico n ° 1 dal mese di Marzo. Stesso come candele profumate e altro olio essenziale spray che carica l’aria ambiente con sostanze irritanti. Queste mucose sono dannosi e possono causare allergie, mentre in piccole quantità e sono innocui.

– Uno stile di vita sano : i Candidati per le allergie spesso sono favorevoli background genetico e non è raro per loro di soffrire di passaggio di problemi respiratori o frequenti riniti ma non causando troppo fastidio nella vita di tutti i giorni. Inoltre, tutto ciò che indebolisce il sistema immunitario, come il fumo, interni inquinanti (Cov o composti organici volatili) ed esterni inquinanti (gasolio e fumi industriali), lo stress e il sole gioca un ruolo. È quindi possibile, grazie a un importante fatica, alla scoperta di nuove allergie. Infine, un infiammatorie malattie digestive, per esempio, o le droghe di ridurre l’acidità di Allergeni piùstomaco può indebolire la mucosa intestinale e promuovere lo sviluppo di una nuova allergia alimentare,

– Contatti stretti: “Uno dei miei pazienti è stato punto da una vespa, come ogni estate, poiché viveva in paese, dove i nidi sono frequenti. Finora, a parte il bruciore di morso, non soffriva da qualsiasi allarmanti sintomi, ma quest’estate l’uomo è stato morso due volte di fila, a poche settimane di distanza, e il nuovo morso innescato una grave angioedema, “dice il Dr. Beaudouin.

– Un simile contatto … ma non del tutto: è il caso dell’allergia al gatto, per esempio. Così, aver vissuto felicemente con il vostro gatto per 15 anni, e si hanno accompagnato la sua vecchiaia. Quando si muore, si prendere un altro gatto e non si può stare. Perché ? “Perché questo gatto è leggermente diversa allergenici identità, che uno, non si può stare”, dice il Dr. Beaudouin.

– Un’allergia può nascondere un altro: ora sappiamo l’esistenza di “crociati”, allergie, cioè l’allergia alle due apparentemente molto diversi prodotti, ma
contenenti gli stessi allergeni
. Molte persone, la cui allergia al polline di betulla è noto, improvvisamente trigger di allergia alla mela, o per la pesca, che contiene molto vicino proteine!

– Nuove sostanze: la natura odia il vuoto . Parabeni sono stati rimossi, il MIT (methylisothiazolinone) li sostituisce, un conservante che detiene anche il suo rango di una sostanza allergenica . Progressivamente, queste nuove sostanze sono appearing in cosmetici o prodotti per la casa senza nemmeno identificarli. “Abbiamo anche individuato più sottile allergie”, spiega il Dr. Beaudouin, ” come la reazione al glutine di grano che viene attivato solo da un violento sforzo, come il pareggiatore che aveva l’abitudine di mangiare un pezzo di pane prima di indulgere nel suo sport preferito, e un giorno fece uno shock anafilattico, subito dopo la sua esecuzione. Queste manifestazioni sono molto difficili da rilevare. Questo paziente avrebbe praticato lo sci, il nuoto o il ciclismo, non si sarebbe attivato alcun sintomo. Ma la danza, il passo , il jogging, che richiedono un maggiore sforzo sostenuto, stanno rivelando ” .

Anche meno conosciuti: abbiamo appena identificato improvvise allergie alla carne rossa o di frattaglie, che si verificano dopo una puntura di zecca. Pertanto, i pazienti che erano stati sborrato ricevuto, tramite tick di sangue, uno zucchero presente nel sangue di alcuni mammiferi come la carne di manzo o di maiale, che era stato morso da un insetto. La conseguenza: questi pazienti trigger di allergia alle bistecche, un prodotto piuttosto consumate normalmente e senza problemi. Stesso come le proteine del grano isolati, sostanze ormai sempre più presenti nei cosmetici che croce con i cibi che li contengono come il blu-capped cotolette, preparato parmentier hash, salsicce e alcune salse.

Buoni riflessi

Buoni riflessiSul lato di cosmetici, prodotti per la casa, il cibo, “bio” non proteggere dal momento che le sostanze naturali sono come allergizzanti come i sintetici. Ma è almeno possibile acquistare i prodotti i cui componenti sono chiaramente indicati. E non moltiplicare le possibili fonti di allergeni. Tutti i sintomi dovrebbero essere presi sul serio. Un naso che cola, tosse secca, una eruzione cutanea ( orticaria ), prurito agli occhi, non dovrebbero essere trascurati, anche se non avete cambiato le vostre abitudini. Per la prima la malattia è diagnosticata, il migliore è trattato .

Trattamenti che il progresso

È sempre più conosciuto grazie a test per identificare problematiche allergeni.
Evitando loro è ovviamente la migliore prevenzione, ma è ben lungi dall’sempre possibile. Molti farmaci per trattare i sintomi (naso che cola, occhi rossi, tosse , etc.) e l’aiuto per superare un momento di difficoltà senza troppi problemi. Antistaminici, in particolare, hanno fatto progressi e hanno fortemente ridotto gli effetti collaterali (sonnolenza particolare). Desensibilizzazione. In alcuni casi, prende la forma di facilmente deglutibile gocce.

Quante persone sono colpite da allergie?

Allergie respiratorie: il 25% della popolazione

Allergie della pelle: dermatite atopica (10-20% dei bambini, contattare il 2-3% degli uomini, l ‘ 8-10% delle donne), orticaria (1% della popolazione)

Allergie alimentari : 4-8% dei bambini, il 2-4% della popolazione generale

Allergia ai farmaci: il 7-8% della popolazione

Le allergie al veleno Imenotteri: 1-3% della popolazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *